di Alberto Pasi - 17 settembre 2018

Motociclismo d'Epoca di ottobre 2018

La copertina del fascicolo di ottobre è dedicata alla BMW R 50 S. All’interno anche la Norton Model 18, il Malaguti Fifty, la Honda CBX750F, la Cardani 500 da GP, una curiosa Benelli a 6 cilindri, la guida all'acquisto della Gilera Arcore e dello Stornello Moto Guzzi, i raduni e molto altro…

1 di 4
In copertina, la R 50 S, presentata con la R 69 S nel 1960. Modello sportivo dalle ottime prestazioni che sfrutta la ciclistica introdotta cinque anni prima, con la forcella Earles e la sospensione posteriore con forcellone oscillante, viene proposta dalla BMW come top di gamma con ambizioni commerciali, in particolare per gli USA e la Gran Bretagna. Non manca di fascino e velocità, tuttavia soffre di scarsa affidabilità meccanica, caso veramente rarissimo in casa BMW. La fragilità del motore verrà risolta dai tecnici nel momento in cui si deciderà di puntare tutto sulla sorella maggiore, la R 69 S, sacrificando la mezzo litro.
BMW R 50 S
Un gran salto indietro nel tempo ci porta all’inizio degli anni Venti, quando la Norton lancia sul mercato la 500 monocilindrica a valvole in testa chiamata Model 18. Una moto di grande successo commerciale, impiegata anche nelle competizioni e che in Italia è stata portata più volte alla vittoria da Tazio Nuvolari.

Risalendo invece agli anni più vicini a noi, andiamo a scoprire quello che è stato il fenomeno dei “tuboni” di 50 cc. Principe indiscusso di questo genere di ciclomotori, che sfrutta il telaio come serbatoio per la miscela, è il Fifty della Malaguti. Presentato alla fine del 1973, ha una lunghissima carriera e verrà proposto in una infinità di versioni, alcune molto raffinate anche a livello tecnico. Motociclismo d’Epoca racconta di questo successo, presentando i primi modelli, costruiti dal 1974 al 1982. Sui prossimi fascicoli il seguito con le versioni raffreddate a liquido.

Chiude la sezione dedicata alle moto di produzione la Honda CBX750F del 1983, ultima sportiva dotata del quattro cilindri in linea bialbero raffreddato ad aria. Moto di spiccata personalità estetica e dotata di ottime prestazioni, viene prodotta in due serie fino al 1988, quando ormai la Casa giapponese ha deciso di puntare tutto sui V4 raffreddati a liquido della serie VF.
Malaguti Fifty
La Guida all’acquisto questo mese vede protagoniste due motoleggere, l’Arcore della Gilera e lo Stornello della Moto Guzzi. Entrambe nelle versioni di 150 cc e ultime rappresentanti di una antica tradizione italiana. Pregi, difetti, consigli, valutazione e situazione ricambi per due modelli interessanti e gradevoli da usare anche oggi.

La parte sportiva della rivista si apre con l’analisi storica e tecnica della Cardani 500 da GP, l’ambizioso progetto di Daniele Fontana, il re dei freni da competizione, risalente al 1967-1968. Dotata di un tre cilindri in linea a 4 tempi non disputerà nemmeno un GP per mancanza di sviluppo e scarse risorse economiche, ma resta un grande esempio di “artigianato” da competizione.
La Guida all’acquisto questo mese vede protagoniste due motoleggere, l’Arcore della Gilera e lo Stornello della Moto Guzzi
Segue la curiosa storia di una Benelli sei cilindri sviluppata da una engineering francese e sostenuta dalla Motobecane che all’epoca era importatore della Casa di Pesaro. Destinata alle gare di Endurance, farà una sola apparizione al Bol d’Or del 1977, rimediando una figuraccia. E’ comunque parecchio interessante, soprattutto per le innovative soluzioni adottate per la ciclistica.
Benelli sei cilindri
© RIPRODUZIONE RISERVATA